In nome di un antico ordine classico la furia censoria nazista colpisce tutto il fronte delle arti nuove. La mostra ‘Arte degenerata’ del 1937 presenta gli artisti d’avanguardia come un residuo sociale irrecuperabile e minaccioso. L’accusa di ‘degenerazione’ li costringe ad abbandonare l’Europa per trovare rifugio negli States. Per questi artisti l’America è, prima di tutto, l’approdo alla salvezza, poi la possibilità di un nuovo inizio. Senza rimpianti e senza nostalgia. La cultura contemporanea dà una rappresentazione dell’esilio come perdita di qualcosa che si è lasciato per sempre alle spalle e le successive conquiste come tentativi di lenire il dolore inconsolabile provocato dal distacco. Dalle pagine del libro emergono, invece, figure di artisti che scelgono il luogo dell’esilio come una nuova opportunità. Un nuovo inizio. Si scoprono, così, episodi della vita artistica di questi profughi speciali finora completamente trascurati dalla critica . Il libro inizia in Europa e si conclude negli States in compagnia di Mondrian, Kandinsky, Max Ernst, Moholy Nagy, Hans Hofmann.

Artisti in fuga da Hitler. L'esilio americano delle avanguardie europee

Maria Passaro
2018

Abstract

In nome di un antico ordine classico la furia censoria nazista colpisce tutto il fronte delle arti nuove. La mostra ‘Arte degenerata’ del 1937 presenta gli artisti d’avanguardia come un residuo sociale irrecuperabile e minaccioso. L’accusa di ‘degenerazione’ li costringe ad abbandonare l’Europa per trovare rifugio negli States. Per questi artisti l’America è, prima di tutto, l’approdo alla salvezza, poi la possibilità di un nuovo inizio. Senza rimpianti e senza nostalgia. La cultura contemporanea dà una rappresentazione dell’esilio come perdita di qualcosa che si è lasciato per sempre alle spalle e le successive conquiste come tentativi di lenire il dolore inconsolabile provocato dal distacco. Dalle pagine del libro emergono, invece, figure di artisti che scelgono il luogo dell’esilio come una nuova opportunità. Un nuovo inizio. Si scoprono, così, episodi della vita artistica di questi profughi speciali finora completamente trascurati dalla critica . Il libro inizia in Europa e si conclude negli States in compagnia di Mondrian, Kandinsky, Max Ernst, Moholy Nagy, Hans Hofmann.
9788815278135
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Artisti in fuga da Hitler.pdf

non disponibili

Descrizione: Monografia principale
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 990.5 kB
Formato Adobe PDF
990.5 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4712672
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact