Al di là dei risultati storici e storiografici consegnati per sempre al patrimonio della nostra civiltà da Francesco De Sanctis, il presente contributo punta a sottolineare quella parte del metodo critico desanctisiano ancora vitale e utilizzabile, se non indispensabile, nel ventunesimo secolo per il lettore e l’interprete dei testi letterari. E lo fa con l’analisi di un saggio non tra i maggiori della sua opera omnia, La «Fedra» di Racine, pubblicato la prima volta nel 1856 («Rivista contemporanea», a. III, vol. V, pp. 597-615). La scelta non è casuale sia perché il tema è di tal natura da attenuare la caratterizzazione, presente in tutti gli scritti desanctisiani, della concezione tutta politica della letteratura come voce e anima d’un popolo, sia perché in questo saggio i principi vitali del metodo che egli ha lasciato in eredità sono trattati con stringatezza didattica che valorizza la lezione e con lucidità più semplice e lineare che altrove.

Eredità desanctisiane nella moderna lettura della «Phèdre» di Racine

Irene Chirico
2017

Abstract

Al di là dei risultati storici e storiografici consegnati per sempre al patrimonio della nostra civiltà da Francesco De Sanctis, il presente contributo punta a sottolineare quella parte del metodo critico desanctisiano ancora vitale e utilizzabile, se non indispensabile, nel ventunesimo secolo per il lettore e l’interprete dei testi letterari. E lo fa con l’analisi di un saggio non tra i maggiori della sua opera omnia, La «Fedra» di Racine, pubblicato la prima volta nel 1856 («Rivista contemporanea», a. III, vol. V, pp. 597-615). La scelta non è casuale sia perché il tema è di tal natura da attenuare la caratterizzazione, presente in tutti gli scritti desanctisiani, della concezione tutta politica della letteratura come voce e anima d’un popolo, sia perché in questo saggio i principi vitali del metodo che egli ha lasciato in eredità sono trattati con stringatezza didattica che valorizza la lezione e con lucidità più semplice e lineare che altrove.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4715598
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact