La energia di Majakovskij come interprete sulla scena, benché sia attestata con certezza da varie fonti dell’epoca, resta ormai irrimediabilmente perduta. E’ stato però ritrovato – e di recente restaurato – il film "La signorina e il teppista", scritto e interpretato da Majakovskij nel ruolo di protagonista. Si tratta dell’unica pellicola sopravvissuta al naufragio del tempo delle tre realizzate da Majakovskij nel 1918 per la casa cinematografica Neptun: "La signorina e il teppista", tratta da un racconto di Edmondo De Amicis (1895) che si intitolava "La Maestrina degli Operai"; "Non nato per il denaro", tratto dal romanzo "Martin Eden" di Jack London (1909); e lo scenario originale "Incatenata dal film" in cui recitava Lilja Brik. La reinvenzione majakovskiana del testo deamicisiano appare molto interessante perché attiva una scrittura cinematografica fortemente segnata dalla personalità del poeta autore e interprete e perché arricchisce la prevalente sintassi naturalistica del linguaggio filmico (imposto dalla casa di produzione) di inattese potenzialità metaforiche d’avanguardia. Del pari la recitazione majakovskiana conferma la forte connotazione autobiografica che già caratterizzava la vitale espressività del poeta-attore anche a teatro. Il contributo si interroga, infine, sulle relazioni esistenti tra la concreta esperienza del film e l’ambito teorico degli scritti majakovskiani intorno alle finalità del teatro e del cinema nel più ampio contesto della rivoluzione russa.

1918. Tensioni d'avanguardia e realismo rivoluzionario nell'interpretazione cinematografica di Majakovskij

INNAMORATI, Isabella
2017

Abstract

La energia di Majakovskij come interprete sulla scena, benché sia attestata con certezza da varie fonti dell’epoca, resta ormai irrimediabilmente perduta. E’ stato però ritrovato – e di recente restaurato – il film "La signorina e il teppista", scritto e interpretato da Majakovskij nel ruolo di protagonista. Si tratta dell’unica pellicola sopravvissuta al naufragio del tempo delle tre realizzate da Majakovskij nel 1918 per la casa cinematografica Neptun: "La signorina e il teppista", tratta da un racconto di Edmondo De Amicis (1895) che si intitolava "La Maestrina degli Operai"; "Non nato per il denaro", tratto dal romanzo "Martin Eden" di Jack London (1909); e lo scenario originale "Incatenata dal film" in cui recitava Lilja Brik. La reinvenzione majakovskiana del testo deamicisiano appare molto interessante perché attiva una scrittura cinematografica fortemente segnata dalla personalità del poeta autore e interprete e perché arricchisce la prevalente sintassi naturalistica del linguaggio filmico (imposto dalla casa di produzione) di inattese potenzialità metaforiche d’avanguardia. Del pari la recitazione majakovskiana conferma la forte connotazione autobiografica che già caratterizzava la vitale espressività del poeta-attore anche a teatro. Il contributo si interroga, infine, sulle relazioni esistenti tra la concreta esperienza del film e l’ambito teorico degli scritti majakovskiani intorno alle finalità del teatro e del cinema nel più ampio contesto della rivoluzione russa.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
1918.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Post-print (versione successiva alla peer review e accettata per la pubblicazione)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 1.23 MB
Formato Adobe PDF
1.23 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4716514
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact