Il saggio presenta un caso di lavoro riguardante le «Memorie» di Lorenzo da Ponte, pubblicate a New York in due edizioni negli anni Venti dell’Ottocento e scarsamente diffuse in Europa. Edizione di riferimento in Italia è ancora oggi quella pubblicata nel 1918 nella collana di Laterza Scrittori d’Italia, a cura di Giovanni Gambarin e Fausto Nicolini: si tratta di un contributo serio (soprattutto perché pone il problema del confronto tra le due stampe d’autore) ma non propriamente critico, eppure difficilmente superabile per le difficoltà legate alla collazione. Si presenta qui il testo di una lunga Orazione pronunciata da De Ponte la sera del 10 marzo 1828 ed inserita nella quinta parte dell’autobiografia, con una serie di interrogativi riguardanti la legittimità di un’edizione ‘separata’ dalle stesse «Memorie» e la definizione dei criteri di resa testuale. È auspicabile che una ricostruzione ‘criticamente verificata’ come quella proposta avvii una riflessione sulle possibilità alternative alle edizioni critiche tradizionali, quando non praticabili per penuria di risorse o difetto di credito accademico.

Esperienze di lavoro di un editore delle «Memorie» di Lorenzo da Ponte

Laura Paolino
2019

Abstract

Il saggio presenta un caso di lavoro riguardante le «Memorie» di Lorenzo da Ponte, pubblicate a New York in due edizioni negli anni Venti dell’Ottocento e scarsamente diffuse in Europa. Edizione di riferimento in Italia è ancora oggi quella pubblicata nel 1918 nella collana di Laterza Scrittori d’Italia, a cura di Giovanni Gambarin e Fausto Nicolini: si tratta di un contributo serio (soprattutto perché pone il problema del confronto tra le due stampe d’autore) ma non propriamente critico, eppure difficilmente superabile per le difficoltà legate alla collazione. Si presenta qui il testo di una lunga Orazione pronunciata da De Ponte la sera del 10 marzo 1828 ed inserita nella quinta parte dell’autobiografia, con una serie di interrogativi riguardanti la legittimità di un’edizione ‘separata’ dalle stesse «Memorie» e la definizione dei criteri di resa testuale. È auspicabile che una ricostruzione ‘criticamente verificata’ come quella proposta avvii una riflessione sulle possibilità alternative alle edizioni critiche tradizionali, quando non praticabili per penuria di risorse o difetto di credito accademico.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Da Ponte_Prassi ecdotiche_post print.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Post-print (versione successiva alla peer review e accettata per la pubblicazione)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 2.1 MB
Formato Adobe PDF
2.1 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4725734
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact