Il negativo del linguaggio: una questione etico-politica