“Molto si è studiato dell’Italia la storia politica e la letteraria e l’artistica; ma poco, in confronto, la storia religiosa”. Così introduceva il suo testo – qui fi nalmente riedito – il grande studioso di religioni Raffaele Pettazzoni, convinto che continuare a ignorare le radici religiose della storia del nostro Paese signifi casse oscurare la comprensione anche del suo presente e di quei fenomeni apparentemente più distanti, magari riguardanti la politica o l’economia, che per quanto “profani in apparenza [...] rivelano, a ben guardare, connessioni religiose profonde”.

Raffaele Pettazzoni, Italia religiosa

Giovanni Casadio
2020

Abstract

“Molto si è studiato dell’Italia la storia politica e la letteraria e l’artistica; ma poco, in confronto, la storia religiosa”. Così introduceva il suo testo – qui fi nalmente riedito – il grande studioso di religioni Raffaele Pettazzoni, convinto che continuare a ignorare le radici religiose della storia del nostro Paese signifi casse oscurare la comprensione anche del suo presente e di quei fenomeni apparentemente più distanti, magari riguardanti la politica o l’economia, che per quanto “profani in apparenza [...] rivelano, a ben guardare, connessioni religiose profonde”.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4751782
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact