La “teologia della Vittoria” rappresenta il modello ellenistico della Vittoria militare da cui si origina un percorso che deve condurre ad un potere politico stabile e duraturo. In questo percorso un ruolo fondamentale viene assegnato a quelle che possiamo chiamare “scenografie del potere”. Il potere di Augusto si avvale di questa prospettiva e di tutte le sperimentazioni e gli adattamenti che gli imperatores avevano elaborato nella tarda Repubblica. Augusto ha costruito una “comunità immaginata” basata su una complessa memoria culturale che, accanto a Cesare, utilizza Alessandro e Romolo quali principali modelli narrativi e simbolici attraverso i quali Augusto narra e giustifica il proprio operato. L’idea di una rifondazione di Roma, necessaria per porre fine alle guerre civili della tarda Repubblica, si avvale di un nuovo Augustus ritenuto divi filius, protetto da Apollo nella battaglia di Azio, nuovo Romolo, vincitore dei Parthi e conquistatore della Oikoumene, portatore di una nuova Età dell’Oro, pater patriae, meritevole di consecratio e dello statuto di divus.

Augusto e la teologia della Vittoria

Mauro Menichetti
2021

Abstract

La “teologia della Vittoria” rappresenta il modello ellenistico della Vittoria militare da cui si origina un percorso che deve condurre ad un potere politico stabile e duraturo. In questo percorso un ruolo fondamentale viene assegnato a quelle che possiamo chiamare “scenografie del potere”. Il potere di Augusto si avvale di questa prospettiva e di tutte le sperimentazioni e gli adattamenti che gli imperatores avevano elaborato nella tarda Repubblica. Augusto ha costruito una “comunità immaginata” basata su una complessa memoria culturale che, accanto a Cesare, utilizza Alessandro e Romolo quali principali modelli narrativi e simbolici attraverso i quali Augusto narra e giustifica il proprio operato. L’idea di una rifondazione di Roma, necessaria per porre fine alle guerre civili della tarda Repubblica, si avvale di un nuovo Augustus ritenuto divi filius, protetto da Apollo nella battaglia di Azio, nuovo Romolo, vincitore dei Parthi e conquistatore della Oikoumene, portatore di una nuova Età dell’Oro, pater patriae, meritevole di consecratio e dello statuto di divus.
978-88-5491-149-9
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4763482
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact