L’idea di conversione intesa come risposta ad una chiamata rimanda all’esperienza dell’ascolto dell’altro. Chi ascolta se stesso, la propria singolarità empiricamente determinata, sembra rispondere ad un semplice ed egoistico bisogno di salvezza. Solo se l’individuo è capace di superare tale bisogno è possibile che egli intraprenda un cammino di conversione aperto all’altro da sé e, dunque, secondo la tradizione del monoteismo, alla redenzione di sé.

Ascolto e conversione. Chiamati da chi?

Cammarota Gian Paolo
2020

Abstract

L’idea di conversione intesa come risposta ad una chiamata rimanda all’esperienza dell’ascolto dell’altro. Chi ascolta se stesso, la propria singolarità empiricamente determinata, sembra rispondere ad un semplice ed egoistico bisogno di salvezza. Solo se l’individuo è capace di superare tale bisogno è possibile che egli intraprenda un cammino di conversione aperto all’altro da sé e, dunque, secondo la tradizione del monoteismo, alla redenzione di sé.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4766285
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact