Il mito riveste un ruolo decisivo nel pensiero neoplatonico che, per esprimere le realtà costitutivamente ineffabili, ricorre all’efficacia dell’immagine narrata, alla metafora e all’analogia. In Plotino e nel neoplatonismo successivo, in particolare in Proclo, l’interesse per il mito si manifesta non soltanto nella riflessione sul racconto mitico ma anche nella spiegazione dell’etimologia dei nomi divini.

LA METAFISICA TEOGONICA IN PROCLO

Claudia LO CASTO
2020

Abstract

Il mito riveste un ruolo decisivo nel pensiero neoplatonico che, per esprimere le realtà costitutivamente ineffabili, ricorre all’efficacia dell’immagine narrata, alla metafora e all’analogia. In Plotino e nel neoplatonismo successivo, in particolare in Proclo, l’interesse per il mito si manifesta non soltanto nella riflessione sul racconto mitico ma anche nella spiegazione dell’etimologia dei nomi divini.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4778951
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact