L’Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 140/E/2017, ritiene applicabile la compensazione nelle sole ipotesi normativamente previste e la esclude per i debiti accollati. Nell’ipotesi dell’accollo, pare invece necessario distinguere a seconda della sua natura. Qualora si ammetta l’accollo cumulativo-esterno (anche nei termini prospettati dalla giurisprudenza recente), la compensazione dovrebbe essere possibile. Ad ogni modo, se l’accollante non può considerarsi obbligato nei confronti del Fisco, non pare possibile che tale soggetto sia tenuto a titolo sanzionatorio

L’Agenzia delle Entrate dice no alla compensazione se si tratta di un debito accollato, Corr. trib., 2018, 443 SS.

susanna cannizzaro
2018-01-01

Abstract

L’Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 140/E/2017, ritiene applicabile la compensazione nelle sole ipotesi normativamente previste e la esclude per i debiti accollati. Nell’ipotesi dell’accollo, pare invece necessario distinguere a seconda della sua natura. Qualora si ammetta l’accollo cumulativo-esterno (anche nei termini prospettati dalla giurisprudenza recente), la compensazione dovrebbe essere possibile. Ad ogni modo, se l’accollante non può considerarsi obbligato nei confronti del Fisco, non pare possibile che tale soggetto sia tenuto a titolo sanzionatorio
2018
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/4851573
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact