Tra ombra e spazio: la parola verticale