Heidegger, Nietzsche e la possibilità pura