Schiera, Weber e lo Stato moderno