Per una pietà a-venire. Derrida e Zambrano