L'interpretazione del Teeteto e la natura della epistemologia platonica: alcune osservazioni