Nella “Storia di Cino” l’educazione (montana) alla libertà