Romanino: la “fede senza orpelli” degli alpigiani