La “grazia” del reale. Alcune considerazioni a partire da Jankélévitch