Il diritto (sancito dalle Sezioni Unite) di insinuarsi al passivo del fallimento dell’acquirente per il valore del bene oggetto dell’atto di disposizione astrattamente revocabile, demandando al giudice delegato di quel fallimento anche la delibazione della pregiudiziale costitutiva, spinge ad interrogarsi attorno al trattamento processuale da riservare in sede concorsuale alle domande di revocatoria trascritte anteriormente al fallimento rispetto a quelle non trascritte, nonché all’impatto del potere di delibazione incidentale della pretesa revocatoria sul giudizio di accertamento del passivo.

IL TRATTAMENTO CONCORSUALE DEL CREDITO REVOCATORIO PER EQUIVALENTE, OVVERO DEL GIUDIZIO “VIRTUOSO” DI ACCERTAMENTO DEL PASSIVO

DE santis francesco
2020

Abstract

Il diritto (sancito dalle Sezioni Unite) di insinuarsi al passivo del fallimento dell’acquirente per il valore del bene oggetto dell’atto di disposizione astrattamente revocabile, demandando al giudice delegato di quel fallimento anche la delibazione della pregiudiziale costitutiva, spinge ad interrogarsi attorno al trattamento processuale da riservare in sede concorsuale alle domande di revocatoria trascritte anteriormente al fallimento rispetto a quelle non trascritte, nonché all’impatto del potere di delibazione incidentale della pretesa revocatoria sul giudizio di accertamento del passivo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4754845
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact