La traduzione della strategia aziendale in atti concreti misurabili e valutabili è il presupposto fondamentale per un governo efficace delle organizzazioni imprenditoriali. Per troppo tempo l’enfasi sulla strategia si è nutrita di numerosi approcci teorici avendo spesso a modello le grandi multinazionali. La realtà economico-territoriale del nostro Paese è invece costellata da una miriade di piccole e spesso micro imprese che, più che di visioni teoriche, abbisognano di strumentazioni tecniche ed operative in grado di fornire supporto ai processi decisionali della proprietà e del management. Se è vero che una buona teoria è tale solo se dà seguito a buone pratiche, è altrettanto vero che spesso sono le buone pratiche a fare grandi le teorie (K. Lewin, 1945). È intendimento degli Autori spostare l’attenzione del lettore da una visione astrattamente teorica ad una più concretamente operativa che, utilizzando le competenze teoriche, le traduce in atti di pianificazione sostanziale. Da qui la struttura del volume che, dopo aver richiamato l’importanza dell’approccio strategico al governo delle organizzazioni imprenditoriali, focalizza l’attenzione sugli strumenti dell’audit strategico. Quindi, richiamata l’attenzione sul valore dei Fattori Critici di Successo e sul valore delle risorse intangibili, sviluppa e chiarisce la relazione tra strategia e vantaggio competitivo. A questo punto, nella dichiarata finalità di tradurre la strategia in piani industriali si richiama il ruolo del processo produttivo ed in particolare i riflessi delle decisioni di localizzazione e dimensionamento degli impianti sulla struttura patrimoniale e sul conto economico pluriennali del Piano. Quindi, attraverso l’analisi di settore e l’impiego delle tecniche di previsione delle vendite si redige il Piano delle vendite: strumento indispensabile per la previsione economico reddituale del piano industriale aziendale. Particolare attenzione viene poi data all’utilizzo delle tecniche di controllo di fattibilità economica e finanziaria del Piano. Il volume è rivolto agli studenti della Laurea Magistrale e dei Master, nonché agli attori aziendali, manager e imprenditori con l’obiettivo ultimo di far emergere l’utilità della redazione del Piano Industriale per la valutazione dei processi strategici aziendali nelle diverse fasi del ciclo di vita: la Start up, la crisi, il risanamento, la liquidazione.

Dalla Strategia al Piano - Elementi informativi e di supporto

CUOMO, Maria Teresa;D'AMATO, Antonio;FESTA, GIUSEPPE;METALLO, Gerardino
2016

Abstract

La traduzione della strategia aziendale in atti concreti misurabili e valutabili è il presupposto fondamentale per un governo efficace delle organizzazioni imprenditoriali. Per troppo tempo l’enfasi sulla strategia si è nutrita di numerosi approcci teorici avendo spesso a modello le grandi multinazionali. La realtà economico-territoriale del nostro Paese è invece costellata da una miriade di piccole e spesso micro imprese che, più che di visioni teoriche, abbisognano di strumentazioni tecniche ed operative in grado di fornire supporto ai processi decisionali della proprietà e del management. Se è vero che una buona teoria è tale solo se dà seguito a buone pratiche, è altrettanto vero che spesso sono le buone pratiche a fare grandi le teorie (K. Lewin, 1945). È intendimento degli Autori spostare l’attenzione del lettore da una visione astrattamente teorica ad una più concretamente operativa che, utilizzando le competenze teoriche, le traduce in atti di pianificazione sostanziale. Da qui la struttura del volume che, dopo aver richiamato l’importanza dell’approccio strategico al governo delle organizzazioni imprenditoriali, focalizza l’attenzione sugli strumenti dell’audit strategico. Quindi, richiamata l’attenzione sul valore dei Fattori Critici di Successo e sul valore delle risorse intangibili, sviluppa e chiarisce la relazione tra strategia e vantaggio competitivo. A questo punto, nella dichiarata finalità di tradurre la strategia in piani industriali si richiama il ruolo del processo produttivo ed in particolare i riflessi delle decisioni di localizzazione e dimensionamento degli impianti sulla struttura patrimoniale e sul conto economico pluriennali del Piano. Quindi, attraverso l’analisi di settore e l’impiego delle tecniche di previsione delle vendite si redige il Piano delle vendite: strumento indispensabile per la previsione economico reddituale del piano industriale aziendale. Particolare attenzione viene poi data all’utilizzo delle tecniche di controllo di fattibilità economica e finanziaria del Piano. Il volume è rivolto agli studenti della Laurea Magistrale e dei Master, nonché agli attori aziendali, manager e imprenditori con l’obiettivo ultimo di far emergere l’utilità della redazione del Piano Industriale per la valutazione dei processi strategici aziendali nelle diverse fasi del ciclo di vita: la Start up, la crisi, il risanamento, la liquidazione.
978-88-9210365-8
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4670456
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact