Proprio nel momento più critico, in cui tutte le scuole iniziavano a utilizzare la didattica a distanza, si sono diffusi i cyber attacchi ai sistemi informatici, complice di questa diffusione è stata, in molti casi, un’insufficiente conoscenza, da parte dei docenti delle scuole italiane e straniere, dei sistemi di videoconferenza. Tali attacchi si possono riassumere in quattro tipologie: 1) Misspelled URLs; 2) richiesta di dati sensibili; 3) Unusual senders; 4) Suspicious links, dettagliatamente descritte nell’articolo. Nella seconda parte del lavoro, sono prima raccolti e analizzati i dati riguardanti la conoscenza delle tipologie di cyber attacchi, da parte di 96 docenti che prestano servizio presso un istituto superiore della regione Campania, dopo di ciò, sono stabilite le premesse per un’adeguata preparazione tecnica, rivolta ai docenti in formazione. Lo scopo di tale formazione, che passa attraverso un protocollo di attivazione delle videolezioni, soprattutto nel caso in cui gli studenti siano in parte in presenza e in parte a distanza, è quello di favorire quel processo necessario a prevenire i cyber attacchi e interpretare i sistemi di videoconferenza come la sfida comunicativa del futuro

Didattica a distanza e cyber attacchi: quale formazione per i docenti?

Michele Domenico Todino;Stefano Di Tore;
2021

Abstract

Proprio nel momento più critico, in cui tutte le scuole iniziavano a utilizzare la didattica a distanza, si sono diffusi i cyber attacchi ai sistemi informatici, complice di questa diffusione è stata, in molti casi, un’insufficiente conoscenza, da parte dei docenti delle scuole italiane e straniere, dei sistemi di videoconferenza. Tali attacchi si possono riassumere in quattro tipologie: 1) Misspelled URLs; 2) richiesta di dati sensibili; 3) Unusual senders; 4) Suspicious links, dettagliatamente descritte nell’articolo. Nella seconda parte del lavoro, sono prima raccolti e analizzati i dati riguardanti la conoscenza delle tipologie di cyber attacchi, da parte di 96 docenti che prestano servizio presso un istituto superiore della regione Campania, dopo di ciò, sono stabilite le premesse per un’adeguata preparazione tecnica, rivolta ai docenti in formazione. Lo scopo di tale formazione, che passa attraverso un protocollo di attivazione delle videolezioni, soprattutto nel caso in cui gli studenti siano in parte in presenza e in parte a distanza, è quello di favorire quel processo necessario a prevenire i cyber attacchi e interpretare i sistemi di videoconferenza come la sfida comunicativa del futuro
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4789809
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact